La storia

Nel 1949 veniva istituito il Premio Sila, per rispondere alla necessità di ricostruzione culturale, di rinascita materiale e intellettuale di una Italia e di una Calabria uscite dalla guerra e dal ventennio fascista. Nel maggio del 2010, nella città di Cosenza, per iniziativa di Banca Carime nella persona del suo Presidente Andrea Pisani Massamormile, dell’Arcivescovo di Cosenza Mons. Salvatore Nunnari e dell’Avvocato Enzo Paolini, è stata costituita la Fondazione Premio Sila allo scopo di avviare una nuova fase del prestigioso premio che vide le sue ultime edizioni negli anni novanta. Leggi di più
Notizie

Pronti per l’edizione 2021: ecco la decina. Cestari: “Libri belli e significativi, come nella tradizione del premio”.

“Una bellissima selezione per la nostra decima edizione”. È pronta la decina 2021 del Premio Sila ’49 e Gemma Cestari, direttrice del premio, è entusiasta “dell’attenzione che le case editrici ci riservano candidando i propri libri, della qualità degli arrivi (dall’autore esordiente e sconosciuto al grande circuito, ai nomi più importanti) e infine del grande lavoro della giuria tecnica, che in tempi strettissimi è riuscita a selezionare il meglio per un’edizione per noi importantissima. Come sempre, con qualche piccolo rimpianto per le opere rimaste fuori”.

Continue reading
Notizie

In piazza dei Follari con Ritanna Armeni e una panchina rossa: “Parliamo di donne, non solo di quelle che rivendicavano diritti e libertà nel ’68. La questione femminile non è una battaglia del passato, ma una gigantesca questione contemporanea”

Dal femminismo del ’68 a quello di oggi, dalle manifestazioni di migliaia di ragazze, al fenomeno (prevalentemente social) MeToo, dalle rivendicazioni per i diritti fondamentali alle campagne per superare i glass ceilings che frenano l’ascesa delle donne verso le stanze del potere: le battaglie da combattere sono ancora tante, ma il movimento che alla fine degli anni ’70 ha sconvolto il pensiero di tanti e tante ha lasciato un’eredità che si deve ricordare e onorare.

Continue reading
Notizie

Conclusa la nona edizione: Bonaiuto, Mancuso e Bazzi premiati all’Arenella.

Con la cerimonia di premiazione di ieri alle 18, il Premio Sila ’49 saluta l’edizione 2020, quella della pandemia, che solo nella primavera inoltrata del 2021 è stato possibile celebrare con i consueti appuntamenti. Incontri, lectio magistralis e una serata dedicata al vincitore della sezione letteratura, Jonathan Bazzi, e alla consegna dei bronzetti di Mimmo Paladino.

Continue reading
Notizie

Edizione 2020, vince Jonathan Bazzi con “Febbre”. A Stefano Mancuso il premio Economia e Società. Anna Bonaiuto, premio alla Carriera.

“Abbiamo atteso tanto e adesso ci ritroviamo a celebrare la fine dell’edizione 2020 nel bel mezzo del 2021. Ma non volevamo una premiazione online, la presenza, il pubblico, la connessione che si crea tra i premiati e le persone sono tutto per questa manifestazione. Abbiamo aspettato che la pandemia frenasse per dare alla città, a tutti, quello che ci si aspetta da noi: la cerimonia di premiazione, la lectio magistralis, le conversazioni fra grandi relatori. Una normalità che sembrava diventata impossibile da recuperare, e che invece finalmente ritroveremo. E siamo certi che sarà valsa la pena rimandare di qualche mese il nostro gran finale”.

Continue reading
Notizie

Presentata la Cinquina 2020. Enzo Paolini: “Non ci siamo fermati per non interrompere il flusso della pervasività delle idee e dei sentimenti contenuti nei libri. Solo così ci possiamo salvare, anche in questo momento drammatico”.

Arriva anche il momento della Cinquina, in questa edizione “strana”, come strane sono ormai tante cose, del Premio Sila ’49. Dai primi di settembre, il Premio ha continuato a far incontrare autori e lettori con i consueti eventi di presentazione dei libri; in presenza fino a quando si è potuto, poi online. E online è anche questo incontro con alcuni giurati per svelare la cinquina 2020, perché a fermarsi il Premio non ci ha mai pensato. “Non abbiamo voluto interrompere il flusso delle idee, delle suggestioni e dei sentimenti contenuti nei libri: sono le uniche armi che ci consentiranno di superare questo momento drammatico.  – dice Enzo Paolini, all’inizio dell’incontro – D’altra parte, i libri servono proprio a questo, a darci strumenti di forza sociale per migliorare il mondo in cui viviamo. Per questo non ci siamo fermati, perché ora più che mai abbiamo bisogno di questo”.

Continue reading
Notizie

Igiaba Scego e “La linea del colore”: “Il viaggio come ricerca di libertà è il vero tema del libro.” Gemma Cestari: “Un grande romanzo storico al femminile”.

Mediterranea, africana, somala, romana e romanista. Igiaba Scego si presenta così al pubblico del Premio Sila, nella diretta Facebook attraverso la quale ha presentato il suo libro “La linea del colore”, finalista della nona edizione. Un libro che Gemma Cestari ha definito “un grande romanzo storico, anche se in senso apparentemente improprio perché attraverso il tempo e lo spazio ci accompagnano non personaggi realmente esistiti ma tre donne abilmente “inventate”, create da Igiaba Scego”.

Continue reading
Notizie

Roberto Andò: “C’è sempre una possibilità di salvezza, anche a costo di sovvertire le regole”. Gemma Cestari: “Un romanzo bello, commovente, sulla forza dei sentimenti”. E il regista svela: “Il film avrà un finale diverso dal libro”.

Intellettuale poliedrico, direttore del Teatro Stabile di Napoli, scrittore, regista con collaborazioni straordinarie (da Fellini a Cimino a Scorsese) e amicizie a dir poco esclusive (su tutti, Leonardo Sciascia che lo introduce alla scrittura), Roberto Andò partecipa col suo “Il bambino nascosto” alla nona edizione del Premio Sila e, intanto, sta terminando di girare la versione cinematografica di questa storia coinvolgente.

Continue reading
Notizie

Gennaro Serio presenta “Notturno di Gibilterra”: “Io, appassionato di gialli, ho fatto diventare protagonisti gli eroi della mia infanzia”. Gemma Cestari: “Un meraviglioso libro sulla letteratura, in cui si citano decine di scrittori”.

Un giallo straniante, perché non è un giallo comune, in cui i protagonisti sono scrittori (anche viventi, persino in attività) e grandi protagonisti del genere poliziesco, da Miss Marple a Hercule Poirot, da Maigret a Pepe Carvalho. L’assassino, invece, è Enrique Vila-Matas, il grande scrittore catalano che – ha rivelato l’autore – ha ricevuto una copia del libro, prima ancora che fosse distribuito, e si è complimentato con Serio per la vittoria al Premio Calvino.

Continue reading
Close